Home > Pianeta Rurale > Regioni > Psr 2007/2013: oltre 100 milioni all'agricoltura del Lazio
LAZIO/2
 
BILANCI
 

Psr 2007/2013: oltre 100 milioni all'agricoltura del Lazio

Buona la performance nel 2013, la Regione Lazio raggiunge l'obiettivo di spesa. Tra le novità positive semplificazioni procedurali e finanziamenti alle PIT.

Anche nel corso del 2013 la capacità di spesa del PSR Lazio ha evidenziato buone perfomance. Nel complesso della spesa pubblica (FEASR, Nazionale e Regionale) le somme erogate al mondo agricolo sono state pari 107,5 milioni di euro, oltre 10,0 milioni in più rispetto a quanto speso nell'anno 2012. Questo dato ha permesso il raggiungimento di una spesa totale - rispetto all'inizio della programmazione - di oltre 445 milioni di euro segnando un avanzamento finanziario del PSR pari a circa 65% (la dotazione finanziaria per l'intera programmazione è di 700,4Meuro) .
Quindi, anche per l'annualità 2013 la capacità di spesa ottenuta ha permesso di scongiurare il rischio del cosiddetto "disimpegno automatico" dei fondi Comunitari (regola "n+2")  che ogni anno i Programmi di Sviluppo Rurale si trovano ad affrontare.
Al raggiungimento dell'obiettivo di spesa, così come per le ultime due annualità di programmazione, con una quota del 67,4% del totale 2013, hanno contribuito in maniera decisiva le cosiddette misure "a investimento". Tra queste, quelle che hanno offerto prestazioni di ottimo livello sono state le misure dell'Asse I, alle quali si deve il 49% della spesa totale realizzata. In particolare, la misura 121 "Ammodernamento delle aziende agricole" e la misura 123 "Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali" hanno assorbito il 56% circa del totale delle risorse a favore delle misure "a investimento".
Tra le misure "a superficie" - alle quali è consueto attribuire un ruolo di "recupero" della spesa ai fini delle performance finanziarie - i pagamenti agro-ambientali della misura 214, hanno riguardato, con un totale di quasi 27 Meuro, oltre il 77% delle risorse assorbite da questa categoria di misure.

 


Pagamenti totali misure Asse III e Leader al 31/12 (in €)

Fonte: dati Regione Lazio, Area Programmazione Comunitaria, Monitoraggio e Sviluppo Rurale
 

Al di là delle singole misure, più o meno efficaci in virtù della maggiore o minore "partecipazione" da parte degli imprenditori agricoli, ciò che ha inciso positivamente sulla capacità di spesa, sono state le diverse azioni messe in atto dall'Autorità di Gestione nel corso del 2013. Innanzitutto semplificazioni procedurali. Sono state, ad esempio, messe in campo azioni volte a dare attuazione ai finanziamenti previsti per le 21 PIT-Progettazioni Integrate Territoriali che a giugno 2013 non erano ancora partite. Inoltre, sono stati realizzati interventi a favore dei soggetti pubblici, con la possibilità di erogare le anticipazioni previste dal Reg. (CE) n. 1974/2006 anche solo dietro presentazione della domanda di pagamento e di un'idonea garanzia, senza l'obbligo di presentare la documentazione attestante la consegna dei lavori, intervenendo in un'ottica di maggiore tutela degli interventi strutturali da realizzarsi attraverso il PSR e recependo le necessità degli Enti Locali.
Lo snellimento delle procedure ha riguardato in particolare le misure dell'Asse III  del Programma e quelle afferenti all'Approccio Leader (Asse IV) che, rispetto all'anno precedente, hanno mostrato dei sensibili aumenti nella capacità di spesa.
Archiviato l'anno 2013, il profilo del piano finanziario (riferito alla sola quota Comunitaria - FEASR) del PSR per le annualità residue (2014 e 2015) prevede un andamento crescente e ciò richiederà un particolare impegno da parte dell'AdG al fine di raggiungere pienamente l'obiettivo di spesa.

 
 
 

Antonio Papaleo e Roberta De Vito

 
 
 
 
 
 

PianetaPSR numero 29 febbraio 2014