Home > Il punto sui PSR > Una dote di 6 milioni a favore dei piccoli comuni
Lazio/3
 
BANDI
 

Una dote di 6 milioni a favore dei piccoli comuni

Qualità della vita nelle aree rurali: viabilità e valorizzazione dei borghi rurali, ma anche incentivi per le le energie alternative con un finanziamento che può arrivare fino all'80% dell'investimento

Al via la nuova tornata di bandi per la presentazione di domande di aiuto a vadere sull'Asse III per un importo complessivo di 6 milioni di euro che trovano copertura negli impegni assunti sul bilancio regionale anche nell'ambito delle operazioni di overbooking.
Con le Delibere di Giunta Regionale n. 365 e 366 del 17 giugno, dopo le ultime raccolte effettuate nel 2009, è stata approvata la pubblicazione rispettivamente dei bandi riguardanti le misure 321 "Servizi essenziali per l'economia e la popolazione rurale" e 322 "Sviluppo e rinnovamento dei villaggi" entrambe destinate a promuovere iniziative di sviluppo e miglioramento della qualità della vita e a incrementare l'attrattività delle realtà rurali, favorendo la permanenza e il ritorno della popolazione.
A differenza dei precedenti, i nuovi bandi sono rivolti esclusivamente alla realizzazione di progetti singoli. Restano pertanto esclusi i progetti inseriti all'interno di PIT (Progetti Integrati Territoriali) o all'interno di GAL (Gruppi di Azione Locale), in modo tale da svincolare l'erogazione del contributo per i singoli progetti dall'attuazione di altri inseriti in piani di sviluppo comuni. La Regione ha operato in questa direzione per accelerare la procedura di selezione delle domande e di conseguenza l'erogazione del contributo.
Per la nuova raccolta della misura 321 è fissato uno stanziamento di 4,5 milioni di euro. Con i fondi a disposizione sono ritenute ammissibili, per l'azione a) le spese per l'avviamento delle attività. Per quanto riguarda l'azione b) sono ammissibili a finanziamento le spese per la realizzazione dei servizi attivati con l'azione a). Il limite massimo delle spese ammissibili varia da un minimo del 20% a un massimo dell'80% dell'investimento al netto delle spese generali.
Per la misura 322 la Regione ha stanziato 1,5  milioni di euro. Gli interventi ammissibili dovranno riguardare il ripristino e realizzazione della viabilità per l'accesso e la transitabilità nei borghi rurali, la riqualificazione dell'arredo urbano e dell'illuminazione, la ristrutturazione di facciate di edifici delimitanti vie e piazze di pregio storico architettonico, la ristrutturazione e valorizzazione di immobili di pregio storico ed architettonico da adibirsi ad attività collettive. Il sostegno è concesso nella forma di contributo a fondo perduto fino ad un massimo del 100% del costo ammissibile ridotto al 50% nel caso in cui i beneficiari siano soggetti privati. In ogni caso non può essere concesso un contributo inferiore al 20% del costo totale dell'investimento.
Il termine per la presentazione delle domande di aiuto deve avvenire entro il 60° giorno decorrente dal giorno successivo alla data di pubblicazione dei bandi (BURL N. 49 del 19/06/2014).

 
 
 

Roberta de Vito - devito@inea.it
Antonio Papaleo - papaleo@inea.it

 
 
 

PianetaPSR numero 33- giugno 2014