Home > Il punto sui PSR > Il Grande Fratello entra nella stalla hi-tech
RICERCA & INNOVAZIONE

Il Grande Fratello entra nella stalla hi-tech

Stato di salute e razione alimentare monitorati in tempo reale grazie a un sistema di sensori della zootecnia di precisione - Al progetto Dairyfarm il Cra ha aderito con la sua azienda sperimentale di Lodi 
Carro miscelatore per l'alimentazione di precisione

Si va dal monitoraggio automatico per la ruminazione a quello per controllare le malattie respiratorie nei vitelli ma anche all'analisi in tempo reale degli alimenti caricati nel carro miscelatore, passando da una centralina meteo per garantire la qualità del foraggio. E' il benessere animale l'obiettivo dei sistemi innovativi incentrati sulla zootecnia che sono alla base del progetto DairyFarm, esempio di collaborazione tra Enti di ricerca e aziende private, promosso dalla Fondazione Parco Tecnologico Padano (Ptp) di Lodi, a cui ha aderito  il Cra, con il Centro di ricerca per le produzioni foraggere e lattiero-casearie (Cra-Flc) e il suo caseificio sperimentale ubicato presso l'azienda La Baroncina di Lodi. 

 

Il progetto si fonda sulla formazione e sulla dimostrazione delle tecnologie più avanzate che rappresentano, oggi più che mai, lo strumento risolutivo in grado di fare evolvere l'azienda zootecnica in termini di efficienza e redditività.
''In un momento di crisi come oggi il contenimento dei costi, insieme all'ottimizzazione dell'uso delle risorse consentono di massimizzare la redditività aziendale - spiega il direttore del Centro Cra-Flc, Andrea Galli - che si traduce in un allevamento di animali sani e fecondi, caratterizzati da un elevato livello di benessere".

Vacche con collari con i sensori per il monitoraggio della ruminazione

Nell'azienda sperimentale La Baroncina di Lodi, creata per affrontare le problematiche relative al settore caseario in un'ottica, spiega il ricercatore 'dal foraggio al formaggio', i diversi partner dell'iniziativa hanno installato tecnologie relative alla zootecnia di precisione o comunque legate al progresso e all'efficienza del settore, a partire dal sistema di controllo per la ruminazione tramite sensori in specifici collari da applicare degli animali che rilevano sia il movimento degli animali che l'attività del rumine, per consentire una valutazione in tempo reale dello stato funzionale degli animali; questo per poter prontamente intervenire in caso di allerta. 
Sul fronte più propriamente salutistico c'è il sistema per il rapido riconoscimento di patologie respiratorie nei vitelli tramite un sofisticato sensore che registra la tosse o altri sintomi associabili a questi problemi. Il progetto  DairyFarm riguarda anche l'alimentazione di precisione. ''Il sistema a spettometro micro-NIR - spiega Galli - permette un'accurata analisi degli alimenti caricati nel carro miscelatore, favorendo un razionamento ottimale degli animali, prevenendo patologie metaboliche e riducendo i costi di alimentazione e quindi sprechi e relativi costi''. Alimentazione, spiegano dal Centro, legata alle condizioni climatiche e quindi alle previsioni; da qui una centralina connessa ad una fitta rete di rilevamento territoriale che consente la produzione di foraggio di buona qualità, presupposto per un'adeguata alimentazione degli animali ed una razionalizzazione dell'irrigazione.

 

Sul fronte più propriamente salutistico c'è il sistema per il rapido riconoscimento di patologie respiratorie nei vitelli tramite un sofisticato sensore che registra la tosse o altri sintomi associabili a questi problemi. Il progetto  DairyFarm riguarda anche l'alimentazione di precisione. ''Il sistema a spettometro micro-NIR - spiega Galli - permette un'accurata analisi degli alimenti caricati nel carro miscelatore, favorendo un razionamento ottimale degli animali, prevenendo patologie metaboliche e riducendo i costi di alimentazione e quindi sprechi e relativi costi''. Alimentazione, spiegano dal Centro, legata alle condizioni climatiche e quindi alle previsioni; da qui una centralina connessa ad una fitta rete di rilevamento territoriale che consente la produzione di foraggio di buona qualità, presupposto per un'adeguata alimentazione degli animali ed una razionalizzazione dell'irrigazione.

 
 
 
 

Sabina Licci

 
 
 

PianetaPSR numero 44 - giugno 2015