PianetaPSR
CALABRIA/3

RICAMBIO GENERAZIONALE

Pacchetto giovani, un bando da 74 milioni di euro

Operativo il primo insediamento degli "under  40", affiancato da un ventaglio di sub-misure per lo sviluppo del progetto - Adottato il Business plan online di Ismea, domande entro il 30 settembre

Lo scorso 28 giugno è stato emanato l'avviso pubblico del PSR Calabria 2014-2020  a favore dell'insediamento dei giovani agricoltori. Il "Pacchetto Giovani"  prevede l'attuazione congiunta della Misura 4"Investimento in immobilizzazioni materiali" e  6.1 "Aiuto all'avviamento di imprese per giovani agricoltori", riconoscendo al giovane agricoltore che si insedia per la prima volta un premio di primo insediamento (pari a 50.000 euro in zone montane o svantaggiate e 40.000 in altre zone).
C'è, inoltre, la possibilità di accedere alla submisura 4.1.2 del PSR per il sostegno alla propria attività imprenditoriale, con un contributo in conto capitale fino al 70% dei costi ammissibili totali, nonchè di attivare facoltativamente gli interventi previsti dalle sub misure 4.1.3 e 4.1.4. Le risorse messe a bando ammontano complessivi 74 milioni, di cui 30 a valere sulla misura 6.1per l'erogazione dei premi di primo insediamento e  44 sulla misura 4 per il sostegno agli investimenti.
IL PSR mette a disposizione dei giovani imprenditori agricoli calabresi anche strumenti di trasferimento di conoscenze per accompagnare la fase di "start-up" aziendale, attraverso l'attivazione facoltativa delle misure 1 e 2, da attivare "fuori pacchetto" in seguito a pubblicazione di bando pubblico. I potenziali beneficiari del Pacchetto Giovani sono i giovani che si insediano per la prima volta in una azienda agricola, in forma singola (ditta individuale) o associata (società di persone, società di capitale e cooperative agricole di conduzione) e hanno un'età compresa fra i 18 anni e i 40 anni. L'insediamento deve avvenire sulla base di un piano aziendale, che deve descrivere la situazione di partenza dell'azienda agricola e gli obiettivi per lo sviluppo delle attività della nuova azienda, in particolare gli investimenti previsti, inclusi i fabbisogni di formazione e consulenza.
Per l'intervento 4.1.2 sono ammessi a sostegno gli interventi finalizzati al miglioramento della competitività aziendale e della sostenibilità dei processi produttivi, con investimenti per la razionalizzazione e l'efficientamento nell'utilizzo dei fattori produttivi, ivi inclusi i fattori strutturali ed infrastrutturali, l'uso sostenibile dei suoli, l'introduzione di miglioramenti fondiari, tecnologici e di colture e pratiche agronomiche migliorative, l'introduzione di miglioramenti strutturali, tecnologici e logistici per il mantenimento qualitativo del prodotto e della trasformazione e per la commercializzazione e vendita del prodotto aziendale, il miglioramento della qualità delle produzioni agricole.
Per la presentazione del progetto, è prevista la redazione del Business Plan; a tal fine, la Regione Calabria si avvale dell'applicazione online messa a disposizione dalla Rete  Rurale Nazionale; il Bpol, il Business plan online del PSR Calabria 2014/2020, è stato presentato lo scorso 20 luglio davanti a circa 300 operatori del mondo agricolo, tra i quali imprenditori, tecnici, professionisti e rappresentanti delle organizzazioni agricole.
"Il Bpol garantisce una migliore qualità per l'utilizzo delle risorse del PSR - ha affermato l'Autorità di gestione, Alessandro Zanfino - Si tratta di uno strumento molto importante per la redazione dei piani aziendali, teso anche a garantire una maggiore uniformità di valutazione e monitoraggio dei progetti. Con il Bpol potremo verificare inoltre l'affidabilità finanziaria della aziende e quindi le ricadute che gli investimenti richiesti possono avere sull'azienda stessa e sul territorio".
"Il Business plan online Rete Rurale - ha affermato Roberto D'Auria, responsabile dei servizi dei servizi di assistenza tecnica alle pubbliche amministrazioni per le politiche strutturali di Ismea e del progetto "Business Plan Online Rete Rurale" - nasce dalla necessità di standardizzare i progetti, affinché i dati risultino facilmente leggibili da parte della Regione che, a sua volta, potrà accelerare l'iter istruttorio. Questa metodologia rappresenta anche uno strumento di garanzia per il sistema creditizio, risultando molto utile per la valutazione anche dei finanziatori privati, e quindi delle banche".
Le domande potranno essere presentate a partire dal 18 luglio ed entro il 30 settembre, utilizzando il portale Sian. L'avviso pubblico è disponibile sul sito web www.calabriapsr.it nella sezione "bandi aperti".

 

Vincenzo Carè
vincenzo.care@crea.gov.it

PianetaPSR numero 55 luglio/agosto 2016