Home > Pianeta Rurale > Rete Rurale Nazionale > "Baseline": quando la comunicazione fa chiarezza
RETE RURALE NAZIONALE

"Baseline": quando la comunicazione fa chiarezza

Parte la Campagna di comunicazione della Rete Rurale Nazionale per spiegare agli agricoltori criteri, norme e requisiti di base per chi aderisce alle misure dello sviluppo rurale - Coinvolti circa  1300 Centri di Assistenza Agricola con la distribuzione di 10.000 poster e di 110.000 brochure dallo stile infografico innovativo; una campagna profilata su facebook raggiungerà capillarmente gli agricoltori per portarli su una piattaforma informativa dedicata, mentre sono già stati svolti webinar formativi per tecnici e addetti ai lavori

È di fondamentale importanza il momento in cui agricoltori e potenziali beneficiari delle misure dello sviluppo rurale procedono alla formulazione delle domande sulle diverse misure dei Psr regionali. Ma si può fare qualcosa in più per fornire un quadro chiaro agli agricoltori che li aiuti nel comprendere se tutti i tasselli della loro azienda sono a posto per procedere alle domande?

A questa domanda risponde, a partire dal mese di Aprile, la "Campagna Baseline" realizzata da Ismea - Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare - nell'ambito della Rete Rurale Nazionale, che  ha l'obiettivo di facilitare il rapporto fra Pubblica Amministrazione e agricoltori, grazie al "toolkit" che mette a disposizione per comprendere le "Baseline" cioè i criteri, norme e requisiti di base per chi aderisce alle misure dello sviluppo rurale.

Per ottenere, grazie ai PSR regionali, i finanziamenti delle misure dello sviluppo rurale connesse alla superficie o agli animali (secondo pilastro della Politica Agricola Comune), gli agricoltori aderiscono infatti ad una serie di impegni volontariche vanno al di là delle "Baseline".

Ma avere chiaro il cosiddetto "punto di partenza", cioè le "Baseline", è il presupposto fondamentale per gli agricoltori per non incorrere in errori e sanzioni nel momento in cui fanno domanda per le misure dello sviluppo rurale e per gli impegni volontari ad esse connesse.  Per questo la "Campagna Baseline" prevede la realizzazione di una campagna di inserzioni facebook profilata sul target agricoltori, con atterraggio su una sezione dedicata all'interno del portale Rete Rurale Nazionale, una serie di webinar per formare i tecnici agronomi e la distribuzione di  10.000 poster e di  110.000 brochure dallo stile infografico innovativo presso circa n° 1300 Centri di assistenza Agricola su tutto il territorio nazionale anche grazie alla collaborazione con le Confederazioni. Coinvolti anche gli Assessorati regionali all'agricoltura e gli Organismi Pagatori. Una campagna crossmediale per raggiungere gli agricoltori nei luoghi che più frequentano per ricevere informazioni pratiche e, soprattutto, grazie allacampagna facebook, direttamente sullo strumento più consultato in assoluto, soprattutto dai giovani agricoltori, chiave del ricambio generazionale in agricoltura.

Una campagna, dunque, per facilitare gli agricoltori e fornire anche agli addetti ai lavori dello sviluppo rurale un prospetto il più possibile sintetico e pronto all'occorrenza. In ultima analisi, una campagna che vuole valorizzare l'osservanza dei requisiti di base e degli impegni volontari dello sviluppo rurale, che si traduce in pratiche e comportamenti che permettono al settore agricolo di contribuire a tutelare l'ambiente, contrastare i cambiamenti climatici e garantire ai consumatori prodotti sani e sicuri.

Baseline: l'insieme di criteri, norme e requisiti si compone di tre ambiti

  1. I Criteri per garantire il mantenimento della superficie agricola e l'esercizio di un'attività agricola minima sono impegni obbligatori per coloro che fanno domanda per i pagamenti dello sviluppo rurale delle misure 10 "pagamenti agro-climatico-ambientali", 11 "agricoltura biologica" e 12 "indennità Natura 2000 e direttiva quadro sull'acqua" e un requisito di accesso ai finanziamenti per gli agricoltori che fanno domanda per i pagamenti diretti.
  2. Le Regole di condizionalità: comprendono un insieme di Criteri e Norme per una gestione dell'azienda agricola rispettosa dell'ambiente e attenta alla salubrità dei prodotti e al benessere degli animali allevati. Tutti i beneficiari dei pagamenti diretti e delle misure dello sviluppo rurale connesse alla superficie e agli animali sono tenuti a rispettarle.
  3. I Requisiti minimi per l'uso dei fertilizzanti e dei prodotti fitosanitari: rappresentano un impegno obbligatorio per i beneficiari delle misure 10 e 11 dello sviluppo rurale.
 
 

Andrea Festuccia
a.festuccia@ismea.it

 
 

PianetaPSR numero 59  marzo 2017