Home > Il punto sui PSR > Agricoltura sociale e immigrazione
Lamole
Buone pratiche

Agricoltura sociale e immigrazione, la RRN lancia una call per raccogliere esempi di buone pratiche da promuovere

Il 28 febbraio è stata pubblicata sul portale della Rete Rurale Nazionale una call per la raccolta delle segnalazioni dei casi da parte degli imprenditori/attori locali interessati, delle postazioni regionali della Rete Rurale Nazionale e di eventuali portatori di interesse

La Rete Rurale Nazionale ha all'interno del programma una specifica attività volta a identificare, raccogliere e valorizzare modelli ed esempi di buone pratiche in diversi ambiti di intervento della Politica di Sviluppo Rurale. Tra le azioni programmate per il 2018 si sta procedendo alla raccolta di esperienze di aziende agricole impegnate in attività di Agricoltura Sociale finalizzate all'inclusione di immigrati e che rappresentano, per tipologia e modalità di gestione, casi di eccellenza da segnalare all'attenzione degli altri operatori e dell'opinione pubblica. L'azione è realizzata nell'ambito della collaborazione tra la scheda 2.1 "Eccellenze Rurali", di cui si utilizzano metodologia (di analisi, rilevazione, selezione) e canali di diffusione, e la scheda 21.1 "Promozione e supporto alla diffusione dell'Agricoltura sociale".
Il 28 febbraio è stata pubblicata sul portale della Rete Rurale Nazionale una call per la raccolta delle segnalazioni dei casi da parte degli imprenditori/attori locali interessati, delle postazioni regionali della Rete Rurale Nazionale e di eventuali portatori di interesse. Parallelamente è stata avviata una intensa attività di animazione diretta ai principali stakeholder della Rete e alle Reti di soggetti che si occupano di Agricoltura sociale. L'obiettivo è quello di informare e raccogliere più esperienze possibili al fine di restituire agli utenti casi aziendali che per esperienze, attività e caratteristiche gestionali rappresentano concretamente delle buone pratiche e che possono essere ritenuti meritevoli di valorizzazione attraverso le attività della Rete Rurale Nazionale. Tutti i casi segnalati confluiranno in un archivio delle pratiche rispetto al tema specifico "Agricoltura sociale e immigrati".
Un gruppo di lavoro composto da referenti Mipaaf, ricercatori CREA-Centro Politiche e Bio-economia, personalità del mondo accademico, esperti del tema identificheranno, entro il primo semestre 2018, 10 realtà che saranno oggetto di analisi approfondita sul campo. Saranno quindi organizzate delle visite di campo in azienda e intervistati i responsabili aziendali, rilevando in maniera più diretta possibile le caratteristiche rilevanti. Un focus particolare sarà dedicato al sostegno dei PSR anche rispetto all'integrazione di soggetti immigrati. L'obiettivo è quello di far conoscere ad un pubblico vasto la capacità della politica di Sviluppo Rurale, attraverso i suoi strumenti di sostegno, di valorizzare nuovi modelli di sviluppo e opportunità per la società e per l'imprenditoria agricola. I casi saranno poi presentati nella pagina del portale dedicata "Eccellenze Rurali" attraverso schede descrittive e brevi video.  
Obiettivo della Rete Rurale Nazionale è identificare entro il 2020 un ventaglio di "Eccellenze Rurali" diffuse su tutto il territorio nazionale, che siano rappresentative delle realtà imprenditoriali impegnate sui temi emergenti della politica di Sviluppo Rurale.

 
 

Milena Verrascina

 
 

PianetaPSR numero 68  gennaio/febbraio 2018