Home > Pianeta Rurale > Europa > Siccità, anticipi maggiorati per i pagamenti diretti e quelli delle misure del Sistema integrato di gestione e controllo (Sigc)
Siccità

Siccità, anticipi maggiorati per i pagamenti diretti e quelli delle misure del Sistema integrato di gestione e controllo (Sigc)

Il Comitato Congiunto Pagamenti diretti e Sviluppo rurale ha approvato la decisione che consente l'erogazione di una percentuale più alta degli anticipi delle misure a superficie.

Nel corso del Comitato Congiunto Pagamenti diretti e Sviluppo rurale del 30 agosto u.s., la Commissione ha presentato una proposta di decisione di esecuzione per consentire l'erogazione degli anticipi dei pagamenti diretti maggiorata fino al 70% e dei pagamenti delle misure di sviluppo rurale fino all'85% negli Stati membri interessati. Tale misura è finalizzata ad alleviare le difficoltà finanziarie e i problemi di liquidità degli agricoltori causati da condizioni climatiche avverse nella prima metà del 2018.
Gli Stati Membri interessati sono Belgio, Repubblica ceca, Irlanda, Grecia, Francia, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Ungheria, Croazia, Polonia, Portogallo, Portogallo, Romania, Finlandia, Svezia e Regno Unito. Con la Decisione si consente la deroga, per l'anno di domanda 2018, all'articolo 75, paragrafo 1, terzo comma, del regolamento (UE) n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda il livello degli anticipi per i pagamenti diretti e le misure di sviluppo rurale connesse alla superficie e agli animali.
Per dovere di cronaca si segnala che gli Stati membri non si sono accontentati della proposta offerta dalla Commissione, ma hanno formulato ulteriori richieste, quali ad esempio, la possibilità di autorizzare anticipi di pagamenti diretti fino al 75% (invece del 70%) o, ancora, che i pagamenti potessero essere effettuati prima di quando ordinariamente consentito, cioè subito dopo il completamento dei controlli amministrativi e prima del completamento dei controlli in loco. La Commissione ha preso atto delle due proposte e le ha purtroppo giudicate irricevibili, anche a causa dei tempi ristretti per l'adozione e la notifica.
 Attraverso una consultazione scritta, la Commissione ha fatto svolgere la votazione a metà settembre, a causa dei termini molto brevi per l'adozione. Quest'ultima è avvenuta il 1 ottobre 2018 - Decisione della Commissione Europea n. C (2018) 6293 -  e notificata al MiPAAFT il 10 ottobre 2018.
Dal 16 ottobre è quindi possibile, per gli Organismi Pagatori che hanno deciso di procedere in tal senso, l'erogazione degli anticipi delle misure a superficie del Sistema Integrato di Gestione e Controllo (SIGC), che sono quelle indicate al paragrafo 2 dell'articolo 67 del Regolamento (UE) n. 1306 del 2013 (equivalente all'acronimo inglese IACS, cioè Integrated Administration and Control System), in una misura percentualmente maggiore.
La concessione della deroga è, come detto, dovuta alle avverse condizioni meteorologiche: la siccità verificatasi nell'Europa centro-settentrionale, accompagnata da temperature elevate; le abbondanti precipitazioni nell'Europa meridionale e orientale, nella prima metà del 2018.
Ognuno degli Stati membri ha supportato la richiesta con dati ed evidenze scientifiche, che in Italia sono stati forniti dal Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria).

 
 

Antonio Frattarelli
Carlo Stumpo

 
 

PianetaPSR numero 75 ottobre 2018