Home > Pianeta Rurale > Regioni > Lombardia, Innovazione: selezionati 22 GO
Innovazione

Lombardia, Innovazione: selezionati 22 GO

Presentate 35 domande, di cui 22 ammesse a finanziamento con un innalzamento della dotazione finanziaria da 9 a 11 milioni di euro. 

Nel 2018 Regione Lombardia ha pubblicato per la prima volta il bando per l'operazione 16.1.01 "Gruppi operativi PEI" che sostiene la costituzione e la realizzazione di progetti da parte dei Gruppi Operativi (GO) del Partenariato Europeo per l'Innovazione (PEI), per il miglioramento della produttività e sostenibilità dell'agricoltura (RRN, 2017); in particolare l'intervento regionale fa specifico riferimento alla Focus area 2a "migliorare le prestazioni economiche di tutte le aziende agricole e forestali, incoraggiare la ristrutturazione e l'ammodernamento aziendale, in particolare per aumentare la quota di mercato e il suo orientamento nonché la diversificazione delle attività".  

Imprese agricole, distretti agricoli riconosciuti, consorzi di tutela, organismi di ricerca e di diffusione della conoscenza, enti parco, ecc, rappresentano i beneficiari dell'intervento. Inoltre, i beneficiari devono aggregarsi in partenariati che devono necessariamente essere costituiti da almeno tre imprese agricole, in forma singola o associata, e un Organismo di ricerca; nel caso di gruppi più numerosi le aziende agricole devono rappresentare il 50% dei soggetti dell'aggregazione. Regione Lombardia ha scelto di attuare la selezione dei progetti con una procedura distinta in due fasi: 1) costituzione del GO (presentazione e valutazione dell'idea progettuale, del potenziale di realizzazione e combinazione del partenariato); 2) progetto innovativo del GO (valutazione del dettaglio operativo del progetto e dell'accordo di valutazione di cooperazione tra i partner). I soggetti beneficiari che hanno proposto un progetto valutato ammissibile alla fase 2 percepiranno un importo forfettario di 5.000 € per le spese sostenute per la fase di costituzione del GO.

La dotazione finanziaria stanziata per l'operazione, inizialmente pari a 9 milioni, dopo la fase di istruttoria della fase 2 ha superato gli 11 milioni di euro. La maggior parte dei progetti presentati, infatti, sono stati considerati molti validi e innovativi e proprio per questo Regione Lombardia ha deciso anche di mantenere valida la graduatoria delle domande istruite positivamente nella fase 2 ma non finanziate fino a marzo 2020 nel caso di ulteriori disponibilità finanziare. 
Nella prima fase le domande selezionate, sostanzialmente su due principali macroelementi di valutazione, e che hanno avuto esito positivo e, quindi, possibilità di accedere al secondo step, sono state 35. 

Delle 35 domande ammesse solo 30 hanno proseguito con la fase 2 dove le proposte progettuali sono state, invece, valutate secondo 3 macrocriteri di valutazione:

Macrocriteri di selezione e valutazione

Fonte: Regione Lombardia
 

In seguito alla fase di istruttoria, sono stati selezionati positivamente 25 GO, ma solo 22 ammessi a finanziamento; la maggior parte dei progetti finanziabili sono stati proposti da Istituti universitari (54%), Consorzi (18%), e Enti di Ricerca (14%) (Grafico 1).

Grafico 1 Tipologia dei richiedenti dei progetti ammessi a finanziamento (valori in %)
Grafico 2 Prevalenza dei comparti dei 22 GO (valori in %)

Fonte: nostre elaborazioni su dati Regione Lombardia

 

Il comparto prevalente dei progetti di innovazione selezionati rispecchia sicuramente il settore produttivo predominante della regione, tra l'altro in continuità con le domande istruite positivamente anche per l'operazione 1.2.01 "Progetti dimostrativi e azioni di informazione", in particolare nel 27% dei casi le progettualità riguardano i bovini da latte (gestione dell'allevamento, benessere animale, trasmissione efficace delle informazioni, ecc. ) e nel 18% rispettivamente la cerealicoltura (diffusione delle colture di copertura, costituzione di una filiera del grano duro a residuo chimico zero, promozione di un agrosistema biologico, ecc.) e la viticoltura (impedimento delle alterazioni sensoriali del vino bianco, mantenimento della fertilità organica dei suoli, identificazione delle più idonee strategie agronomiche ed enologiche per area, ecc). 


Fig. 3 I 22 GO lombardi

 

BIBLIOGRAFIA 
RRN - CREA-PB (2017), Stato di programmazione delle misure 16.1 e 16.2 nei PSR regionali. RRN, 18 dicembre 2017, Roma.

 
 

Rita Iacono
rita.iacono@crea.gov.it

 
 

PianetaPSR numero 82 luglio 2019