Home > Mondo agricolo > UE si conferma principale esportatore di prodotti agroalimentari a livello globale
Export

UE si conferma principale esportatore di prodotti agroalimentari a livello globale

Nel 2018, afferma un rapporto pubblicato nelle scorse settimane dalla Commissione, l'export europeo ha raggiunto i 138 miliardi di euro, il 7 per cento delle esportazioni totali. 

L'UE si conferma il principale esportatore a livello globale di prodotti agroalimentari per un valore di 138 miliardi di euro. Lo afferma uno reportdella Commissione pubblicato nelle scorse settimane, secondo il quale l'export del comparto rappresenta il 7 per cento del valore totale delle esportazioni Ue, dopo il settore dei macchinari, quello manufatturiero e quello chimico. 

La bilancia commerciale è nettamente positiva, +22 miliardi di euro, dato che l'Ue, secondo importatore dell'agri-food a livello mondiale, importa beni per 116 miliardi di euro. Il documento evidenzia anche come il comparto dia lavoro a 44 milioni di persone, pari al 7,5% dell'occupazione nell'UE, generando il 3,7% del valore aggiunto. 
I principali mercati per la produzione europea sono Usa, Cina, Svizzera, Giappone e Russia che insieme rappresentano la destinazione del 40% delle esportazioni, e a guidare la classifica dei singoli prodotti sono il vino e i liquori, seguiti dal cibo per bambini, prodotti confezionati, cioccolato e pasta.

A livello di import, invece, i Paesi UE acquistano principalmente materie prime e prodotti non presenti, o non in maniera sufficiente, sul proprio territorio, come frutta tropicale, caffè e frutta fresca o essiccata (23,4% delle importazioni). La seconda categoria di prodotti importati è rappresentata dai mangimi animali (10,8%), seguita dai prodotti utilizzati come ingredienti per altre preparazioni.

 

Il Commissario uscente all'Agricoltura e allo Sviluppo rurale Phil Hogan ha evidenziato come "Una PAC sempre più orientata al mercato ha avuto un ruolo decisivo nel contribuire al successo dell'agroalimentare sul mercato. Sul mercato globale i prodotti della UE sono ritenuti sicuri, sostenibili, di alta qualità anche dal punto di vista nutrizionale e questo rappresenta una formula vincente. La Commissione è pronta ad aiutare i produttori ad ottenere il massimo dalle opportunità presenti a livello globale, assicurando allo stesso tempo la tutela dei nostri settori più vulnerabili".

 
 
 

Redazione Pianeta PSR

 
 

PianetaPSR numero 83 settembre 2019