Home > Mondo agricolo > Coronavirus, le misure per l'agricoltura del decreto Cura Italia
Coronavirus 

Coronavirus, le misure per l'agricoltura del decreto Cura Italia

Il nuovo decreto del Governo contiene misure, fondi e agevolazioni per sostenere le imprese in questo momento estremamente difficile.

Un fondo da 100 milioni di euro per sostenere le imprese e lo stop temporaneo alle attività di pesca, altri 100 milioni per favorire l'accesso al credito, un aumento del 20% degli anticipi ai contributi PAC, Cassa integrazione in deroga, ampliamento del Fondo per gli indigenti, stop ai mutui e più fondi per la promozione.

Sono i principali interventi previsti dal decreto Cura Italia per aiutare il comparto agroalimentare italiano ad affrontare la crisi dovuta all'epidemia del Coronavirus, perché, come sottolineato dal Ministro Teresa Bellanova, "il bene-cibo è essenziale". I lavoratori dell'agroalimentare potranno, ovviamente, ottenere anche gli altri benefici previsti dal decreto approvato dal Consiglio dei Ministri come i 100 euro per le lavoratrici e i lavoratori che continuano a lavorare nel mese di marzo e il sostegno alle famiglie, dai congedi parentali straordinari ai voucher baby sitting.

Ecco nel dettaglio gli interventi che riguardano il comparto:

  • Fondo da 100 milioni a sostegno delle imprese agricole, e per l'arresto temporaneo dell'attività di pesca.
  • Stanziamento di 100 milioni di euro per favorire l'accesso al credito delle imprese agricole e della pesca.
  • Aumento dal 50% al 70% degli anticipi dei contributi PAC a favore degli agricoltori, valore complessivo oltre un miliardo di euro.
  • Cassa integrazione in deroga per tutti i lavoratori agricoli e della pesca e tutele per i lavoratori stagionali senza continuità di rapporti di lavoro. Indennità per i lavoratori agricoli a tempo determinato.
  • Aumento del Fondo indigenti di 50 milioni di euro per assicurare la distribuzione delle derrate alimentari, che si aggiungono ai 6 milioni già destinati nei giorni scorsi all'acquisto di latte crudo, in accordo con il Tavolo Spreco Alimentare.
  • Sospensione delle rate fino al 30 settembre per i mutui e gli altri finanziamenti a rimborso rateale, anche perfezionati tramite il rilascio di cambiali agrarie.
 

Teresa Bellanova
Ministro politiche agricole, alimentari e forestali

"Liquidità e sostegno a lavoratrici e lavoratori, imprese, persone più fragili con l'ampliamento del Fondo indigenti: sono le direttrici lungo cui ci siamo mossi per garantire la filiera in questo momento essenziale al Paese insieme a quella sanitaria", ha commentato la ministra Teresa Bellanova.

"Abbiamo migliaia di imprenditori in difficoltà ma che producono, coltivano, allevano animali, pescano, trasformano il cibo. Il bene-cibo è essenziale e dobbiamo essere grati all'intera filiera alimentare per quanto sta facendo e continuerà a fare".

 
 
 

Redazione PianetaPSR

 
 

PianetaPSR numero 89 marzo 2020