PianetaPSR
Calabria

Calabria, Emergenza Covid: più di 1.600 richieste pervenute per la Misura 21

Il nuovo strumento, con una dotazione di 21 milioni di euro, prevedeva un sostegno diretto a garantire liquidità e a favorire la continuazione dell'attività economica per i settori lattiero caseario, florovivaistico, vitivinicolo e agrituristico.

Sono 1.608 le domande pervenute a valere sul bando del PSR Calabria per la misura 21 "Sostegno temporaneo eccezionale a favore di agricoltori e PMI particolarmente colpiti dalla crisi di COVID-19". L'avviso, pubblicato il 15 settembre e scaduto il 9 ottobre, prende avvio nelle more della definizione della procedura scritta di modifica del PSR avviata alla fine del mese di agosto con i servizi della Commissione UE in considerazione della tempistica ristretta prevista dalla regolamentazione comunitaria per l'individuazione dei beneficiari e l'erogazione dei premi. 

Con una dotazione finanziaria complessiva di 21 milioni di euro destinata a fornire il più ampio supporto alle aziende calabresi colpite dagli effetti dell'emergenza sanitaria del Covid-19, il bando regionale prevedeva un sostegno diretto a garantire liquidità e a favorire la continuazione dell'attività economica per i settori lattiero caseario, florovivaistico, vitivinicolo e agrituristico. Per tali settori infatti l'amministrazione regionale aveva dichiarato lo stato di calamità nei mesi di aprile e maggio 2020 a causa dell'emergenza sanitaria da Covid 19.  

Nello specifico il bando ha attivato due tipologie di intervento che si differenziano in termini di beneficiari e comparti e di dotazione finanziaria e premi. La prima tipologia di intervento (21.01.01 - Sostegno a favore di agricoltori colpiti dalla crisi di Covid-19), programmata nell'ambito della Focus Area 2A, è rivolta agli agricoltori calabresi che operano nei settori lattiero- caseario, florovivaistico ed agrituristico (comprese le fattorie didattiche e le fattorie sociali). La dotazione finanziaria complessiva dedicata all'intervento è pari a 15 milioni di euro e prevede un premio forfettario pari a 7.000 euro per ogni agricoltore. 

La seconda tipologia di intervento (21.01.02 - Sostegno a favore di PMI colpite dalla crisi di Covid-19) è invece programmata nell'ambito della Focus Area 3A, è rivolta alle PMI, agricole e non, attive nella trasformazione, commercializzazione o sviluppo di prodotti agricoli per i settori vitivinicolo DOP e IGP e lattiero-caseario. Per tale tipologia di intervento la dotazione finanziaria complessiva è pari a 6 milioni di euro, ed è prevista l'erogazione  di un sostegno forfettario diretto a garantire liquidità e a favorire la continuazione dell'attività economica fissato in euro 20.000,00 per le PMI del settore vitivinicolo ed in euro 30.000,00 per le PMI del settore lattiero-caseario. 

Sulle 1608 domande presentate ben 1080 riguardano l'intervento 21.1.1 rivolto agli agricoltori. Nel dettaglio, per il settore lattiero caseario sono pervenute 554 domande, 383 invece le domande del settore agrituristico e 143 quelle relative al settore florovivaistico. 

Risultano 528 invece le domande presentate dalle piccole e medie imprese di trasformazione beneficiarie dell'intervento 21.1.2, di cui 260 le domande relative al settore lattiero-caseario e 268 quelle del settore vitivinicolo DOP e IGP.

Per garantire la tempistica regolamentare nell'erogazione delle risorse, il bando è stato definito in maniera semplificata sia in termini di criteri di ammissibilità che di documentazione richiesta per la presentazione della domanda di sostegno fungendo così da strumento per dare risposte alla crisi causata dalla pandemia di Covid-19.

A tal proposito è già presente sul sito www.calabriapsr.it l'elenco provvisorio delle domande relative ai comparti lattiero, florovivaistico, lattiero-caseario e vitivinicolo. Sono 894 i beneficiari ritenuti finanziabili e per cui sono stati assegnati circa 14 milioni di euro, di cui 3,5 per l'intervento 21.01.01 in favore degli agricoltori e circa 10,3 per l'intervento 21.01.02 a favore delle PMI. Dall'elenco mancano ancora le richieste del settore agrituristico e delle fattorie didattiche e sociali in quanto  i lavori di istruttoria sono ancora in corso. 

Per ulteriori informazioni visita il sito.
 
 

Emilia Reda 
emilia.reda@crea.gov.it

 
 

PianetaPSR numero 95 ottobre 2020