Home > Pianeta Rurale > Rete Rurale Nazionale > Smart rural hub: un percorso per i Gal per realizzare progetti "SMART"
germoglio con rilevatore tecnologico di fabbisogno
Smart village

Smart rural hub: un percorso per i Gal per realizzare progetti "SMART"

La call "SMART RURAL CALLING" rivolta ai Gal interessati a sviluppare proposte per la realizzazione di progetti "smart village", è stata pubblicata il 15 aprile sul sito della Rete Rurale Nazionale.

Al via l'azione Smart Rural Hub della ReteLEADER e del Forum LEADER per realizzare un percorso comune di riflessione e approfondimento sul tema "smart village". Un vero e proprio laboratorio per rafforzare la capacità delle strategie locali di promuovere l'innovazione, l'approccio integrato e la programmazione partecipata e collettiva con particolare riferimento alle tematiche proposte nell'ambito dell'obiettivo specifico 8 della PAC. L'obiettivo è quello di costruire un repertorio di iniziative esemplari utili nella prossima fase di programmazione, favorire la messa in campo di iniziative pilota e stimolare la pianificazione di progetti Smart Village nelle Strategie di Sviluppo Locale 2023-2027. 

Il quadro normativo della PAC 2023-2027 introduce, tra gli interventi volti a sostenere la cooperazione fra gli attori dello sviluppo rurale a livello locale, la possibilità di preparare e attuare strategie Smart Villages (Piccoli comuni intelligenti). Nella proposta di Piano Strategico PAC (PSP) italiano, gli Smart Villages sono previsti nella scheda di intervento "Cooperazione per lo sviluppo rurale, locale e Smart Villages" con lo scopo di favorire nelle comunità locali iniziative per rafforzare la resilienza e la sostenibilità delle zone rurali su macro ambiti di cooperazione che riguardano i sistemi del cibo, le filiere e mercati locali; il turismo rurale; l'inclusione sociale ed economica; la sostenibilità ambientale. Benché per gli Smart Village la legislazione dell'UE non prevede una definizione giuridica specifica, essi sono definiti, in base alle esperienze messe in atto finora, come comunità in aree rurali che utilizzano soluzioni innovative per migliorare la propria resilienza e che traggono beneficio dalla cooperazione e dalle alleanze con altre comunità e con altri attori in territori rurali e urbani. 

L'approccio integrato e bottom up che caratterizzano gli Smart Village, seppur limitato ad aree territoriali molto più piccole rispetto ai territori Leader, lo rende un potenziale strumento per i GAL al fine di una programmazione strategica sui territori.

Proprio per questo motivo nel corso del webinar svoltosi venerdì 8 aprile 2022, organizzato dalla RRN- ReteLeader e dal Forum Leader, è stato presentato il programma di lavoro dell'iniziativa Smart Rural Hub  con una "Road map" e un "Calendario" molto denso con  webinar per la condivisione delle buone pratiche, il lancio di una prima call per i GAL interessati a sviluppare proposte per la realizzazione di progetti smart villages, attività di formazione e study visit.

Punto di partenza è la call "SMART RURAL CALLING" rivolta ai Gal interessati a sviluppare proposte per la realizzazione di progetti "smart village", pubblicata il 15 aprile sul sito della Rete Rurale Nazionale. I GAL interessati possono presentare la propria idea progettuale entro il 15 giugno e successivamente attraverso un percorso partecipato è prevista l'individuazione delle proposte con un maggiore carattere esemplificativo. I GAL che hanno presentato la loro candidatura saranno poi coinvolti in diverse attività informative, formative e avranno la possibilità di avvalersi di un supporto specialistico per la pianificazione esecutiva dei progetti. 

Nel percorso sono previsti inoltre: quattro webinar di condivisione delle buone prassi per approfondire e individuare le migliori pratiche per lo sviluppo di smart village, previsti tra Aprile Maggio e Giugno; l'organizzazione di un Workshop per la condivisione delle buone pratiche "SMART village: dalla teoria alla pratica" nel corso del quale i GAL/comuni selezionati con la call "Smart Rural calling" effettueranno una valutazione partecipata sulla fattibilità delle proposte ricevute e condivideranno una serie di metodologie e strumenti per migliorare la qualità dei progetti; Attività di formazione on-line su strumenti e metodi di progettazione partecipata (per rafforzare le competenze su metodologie e strumenti per l'animazione locale con una attenzione particolare alla realizzazione di iniziative e strumenti di animazione digitali e on-line) e per la diagnosi territoriale (dall'uso delle fonti statistiche alle indagini di gruppo, dalla mappatura degli stakeholder alla stima degli effetti economici e sociali dei progetti).

Inoltre, si potrà partecipare a delle Study visit in zone rurali rurali italiane e europee per toccare con mano una serie di esperienze concrete che stanno dimostrando di svolgere un ruolo strategico nel favorire lo sviluppo locale e gli smart village.

Il processo di accompagnamento proseguirtà con la partecipazione al Forum LEADER 2023, in occasione del quale saranno presentati i risultati dei webinar e il Repertorio delle BP, e ad uno Start-up weekend dove con l'aiuto di esperti verranno ulteriormente sviluppate le proposte progettuali per renderle immediatamente cantierabili.

Concluderà questo percorso l'assegnazione di un premio per i progetti migliori.

La maggior parte delle attività sono aperte a tutti i GAL interessati, altre sono destinate in particolare ai GAL che, rispondendo alla "call" e che sono interessati anche ad elaborare i primi progetti pilota "smart village".

 
 

Raffaella Di Napoli - CREA PB - ReteLeader
Emilia Reda - CREA PB - ReteLeader

 
 

PianetaPSR numero 113 maggio 2022