Home > Pianeta Rurale > Rete Rurale Nazionale > Benessere animale, biosicurezza e innovazione tecnologica nei diversi sistemi d'allevamento per bovini
stabulazione bovini
Benessere animale

Benessere animale, biosicurezza e innovazione tecnologica nei diversi sistemi d'allevamento per bovini

Un rapporto finanziato dalla RRN analizza alcuni aspetti particolarmente rilevanti per il settore rispetto a questo tema. Un focus sul sistema di stabulazione.

Il rapporto "Benessere animale, biosicurezza e innovazione tecnologica nei diversi sistemi d'allevamento per i bovini da latte e da carne", finanziato dalla rete Rurale Nazionale e realizzato dal CRPA SPA - Centro Ricerche Produzioni Animali di Reggio Emilia nel giugno 2022, fornisce, in particolare, indicazioni tecnico-economiche su alcuni dei principali aspetti attinenti ai seguenti temi:

  • - benessere animale;
  • - biosicurezza;
  • - innovazione tecnologica;
  • - zootecnia di precisione.

Gli argomenti trattati riguardano la fase d'allevamento per i comparti bovini da latte e da carne.
Per ogni comparto vengono approfonditi i seguenti aspetti:

  • - caratteristiche dell'allevamento in Italia con descrizione di consistenza, importanza economica, sistemi d'allevamento e diffusione territoriale;
  • - parametri indicatori di benessere animale, biosicurezza e innovazione tecnologica/zootecnia di precisione per categoria bovina e tipologia d'allevamento;
  • - sostenibilitÓ economica degli interventi migliorativi sui temi benessere animale, biosicurezza, innovazione tecnologica e zootecnia di precisione, con analisi dei principali costi d'investimento e/o gestione e della loro incidenza sui costi di produzione per unitÓ di prodotto;
  • - normativa di riferimento;
  • - esempi di disciplinari di certificazione con alti standard qualitativi.

Rimandando al documento completo per un'analisi di tutti gli aspetti affrontati, in questo articolo ci focalizzeremo sui diversi sistemi d'allevamento, la loro diffusione sul territorio nazionale e l'individuazione dei parametri pi¨ importanti per valutarli.
I sistemi d'allevamento per i bovini variano, prima di tutto, in base all'orientamento produttivo.

Sistemi d'allevamento per bovini da latte

Per il latte si differenziano in base al tipo di stabulazione delle vacche da latte (lattazione e asciutta) durante l'arco dell'anno e all'utilizzo del pascolo, ricordando che il termine stabulazione sottintende l'utilizzo di specifici ricoveri (stalle). Si distinguono i seguenti sistemi d'allevamento:

  • - stabulazione fissa tutto l'anno per tutte le vacche da latte;
  • - stabulazione fissa per le vacche in lattazione e stabulazione libera per quelle asciutte;
  • - stabulazione fissa durante l'inverno e allevamento al pascolo durante i mesi primaverili, estivi e autunnali;
  • - stabulazione libera tutto l'anno (con o senza accesso a paddock esterni);
  • - stabulazione libera durante l'inverno e allevamento al pascolo durante i mesi primaverili, estivi e autunnali;
  • - allevamento all'aperto in paddock o pascoli tutto l'anno.

La stabulazione fissa Ŕ diffusa su tutto il territorio nazionale, ma quella sempre in ricovero Ŕ presente soprattutto in pianura e in Appennino, mentre quella mista in ricovero e all'aperto Ŕ diffusa soprattutto lungo l'arco alpino (Piemonte, Valle d'Aosta, Lombardia, Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia), con bovine che durante la stagione pi¨ favorevole vanno in alpeggio.
La stabulazione libera con o senza accesso a paddock Ŕ particolarmente diffusa in pianura e collina, mentre quella sempre all'aperto in paddock/pascoli Ŕ presente in alcune aree di pianura e collina dell'Italia centro-meridionale (per esempio in Puglia).

Sistemi d'allevamento per bovini da carne

Per la carne si differenziano in base al tipo di stabulazione delle vacche allattanti e/o dei bovini da ingrasso. Per le vacche allattanti si distinguono i seguenti sistemi d'allevamento:

  • - in stabulazione fissa;
  • - in stabulazione fissa durante l'inverno e al pascolo durante i mesi primaverili, estivi e autunnali;
  • - in stabulazione libera senza accesso a paddock;
  • - in stabulazione libera durante l'inverno e al pascolo durante i mesi primaverili, estivi e autunnali;
  • - in stabulazione libera con accesso giornaliero a paddock;
  • - all'aperto in paddock/pascoli tutto l'anno.

Per i bovini da ingrasso (vitelloni) si distinguono i seguenti sistemi d'allevamento:

  • - in stabulazione fissa;
  • - in stabulazione libera nella prima fase e fissa nel finissaggio;
  • - in stabulazione libera senza accesso a paddock;
  • - in stabulazione libera con accesso giornaliero a paddock;
  • - all'aperto in paddock/pascoli tutto l'anno.

Nel caso di allevamento con fasi di riproduzione e ingrasso (ciclo chiuso), il sistema d'allevamento pu˛ variare notevolmente. Si tratta in pratica di un mix delle singole possibilitÓ previste per le due diverse fasi.

Per l'ingrasso gli allevamenti con stabulazione libera sono particolarmente diffusi in pianura, mentre quelli con stabulazione fissa (sempre fissa o solo nella fase di finissaggio) sono presenti soprattutto in zone di collina e montagna in allevamenti di piccole dimensioni.
Poco diffuse le soluzioni con animali da ingrasso in ricovero con accesso a paddock e ancora meno quelle con animali sempre all'aperto.
Per il ciclo chiuso sono molto diffuse in collina e montagna le soluzioni con bovini da ingrasso in ricovero (stabulazione fissa o libera senza paddock) e con vacche allattanti a stabulazione fissa o libera in inverno e al pascolo dalla primavera all'autunno. In pianura sono presenti soprattutto allevamenti con stabulazione libera, sia per vacche allattanti, sia per bovini da ingrasso, mentre in montagna si possono trovare anche allevamenti di piccole dimensioni con stabulazione fissa per entrambe le categorie.

Allevamenti bovini per classe di capi secondo BDN

Per analizzare in maniera dettagliata la diffusione territoriale degli allevamenti bovini in base al sistema d'allevamento all'interno del rapporto sono stati utilizzati anche i dati registrati nella Banca Dati Nazionale dell'Anagrafe Zootecnica (BDN). Per questa analisi sono stati utilizzati i dati relativi ai 3 diversi orientamenti produttivi (solo latte, solo carne e misto latte e carne) per singola regione e per classe di capi totali (Complessivamente, le aziende medio-piccole con un numero di capi totali inferiore a 100 sono pari all'83%. Questo numero si abbassa al 66% nel caso di allevamenti solo da latte e si alza in quelli da carne o misti pari rispettivamente a 89 e 90%. Le aziende di grandi dimensioni (> di 500 capi) sono di pi¨ negli allevamenti bovini da latte rispetto a quelli da carne o misti: 4% contro 1%.

 
 

Alessandro Gastaldo
C.R.P.A. di Reggio Emilia

 
 

PianetaPSR numero 115 luglio/agosto 2022