Home > Il punto sui PSR > Operazione study visit, prima tappa Zaragoza
Sicilia
 
BUONE PRASSI

Operazione study visit, prima tappa Zaragoza

Organizzata da Rete Rurale Nazionale e Regione la trasferta di operatori siciliani per lo scambio di esperienze su prodotti tipici, ambiente e sistemi di irrigazione

Con un primo viaggio in Spagna presso la città di Zaragoza  che si è svolto dal 14 al 16 novembre, l'Assessorato Regionale delle Risorse Agricole e Alimentari ha inaugurato la stagione delle Study Visit previste dalla misura 111 del PSR Sicilia 2007/2013. L'iniziativa nasce da una sinergia tra l'Amministrazione regionale e la Rete Rurale Nazionale (Task Force "Buone prassi ed innovazioni") e risponde all'esigenza di far conoscere agli operatori agricoli della Sicilia altre realtà imprenditoriali, esperienze ed  innovazioni, da trasferire, diffondere e capitalizzare nell'agricoltura siciliana.
Il gruppo di studio che ha effettuato la study visit era composto dagli imprenditori siciliani selezionati attraverso una manifestazione di interesse, accompagnati dal responsabile regionale della misura 111, dalla postazione regionale della Rete Rurale e dal personale della struttura dell'Autorità di Gestione del PSR della Regione di Aragona; durante le tre giornate di studio, hanno vissuto dei momenti di confronto teorico e delle visite di campo dagli elevati contenuti tecnici e specialistici, alla scoperta di un territorio ancora legato alle tradizioni di un tempo ma dove l'innovazione e la cooperazione ha proiettato nuovi scenari per il comparto.
La prima giornata, svoltasi all'interno della piattaforma logistica Mercazaragoza, è stata dedicata alla conoscenza delle eccellenze agricole aragonesi, del loro potenziale commerciale e delle azioni di promozione attualmente realizzate dai GAL. Tra i prodotti più importanti del settore agroalimentare della Regione vi è sicuramente l'agnello IGP "Ternasco de Aragon", a cui è stata interamente dedicata la seconda giornata, con visite in alcuni allevamenti e a grandi realtà cooperative operanti nella lavorazione e commercializzazione della carne.
La terza giornata, invece, si è svolta all'insegna delle tematiche ambientali, con una serie di incontri e di dimostrazioni all'interno di un Centro di divulgazione dedicato alla storia dell'agricoltura e dell'irrigazione, tutte incentrate sulla conoscenza delle iniziative che si stanno realizzando in Aragona per il miglioramento dell'efficienza idrica ed energetica, la promozione delle energie da fonti rinnovabili e la tutela delle aree protette lungo il fiume Ebro.
L'esperienza della study visit della Regione Siciliana apre la strada  ad un nuovo modo di fare informazione e accompagnare la crescita professionale delle aziende agricole., ottimizzando l'utilizzo delle risorse finanziarie messe a disposizione dalla misura 111.
Un lavoro di rete reso possibile grazie alla sinergia tra le amministrazioni coinvolte (l'autorità di gestione del PSR Sicilia, del PSR della Regione di Aragona, della rete rurale nazionale e della Rete rurale Europea) che ha messo al centro l'interesse del mondo agricolo, confermato dall'entusiasmo dei partecipanti  che hanno animato con domande e continue sollecitazioni i momenti di confronto istituzionale e di trasferimento delle conoscenze.
Per chi ha vissuto questa esperienza si è trattato di un forte momento di crescita professionale e di arricchimento reciproco, anche sul piano umano. Si può dunque affermare che è stato ampiamente centrato l'obiettivo dell'Autorità di Gestione del PSR Sicilia. Nel corso del 2012 il Programma delle study visti continuerà con altri incontri con altri Paesi europei sulle altre filiere produttive di interesse regionale.

 

 
 
Marinella Paci - Francesca Varia

 
 
 

PianetaPSR numero 5 - dicembre 2011

Mipaaf
Ismea
CREA
EU

Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività previste dal programma Rete Rurale Nazionale 2014-2020
DIRETTORE RESPONSABILE - MATTEO TAGLIAPIETRA
REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N. 190/2011 del 17-06-2011 - ISSN 2532-8115