PianetaPSR
Lazio
 
OVERBOOKING

Giovani e investimenti, avanti tutta con nuovi fondi

Rafforzato l'impegno per accelerare il ricambio generazionale e i progetti di ammodernamento delle aziende - L'impegno della Regione con risorse aggiuntive e procedure più snelle

La Regione Lazio rafforza il sostegno pubblico all'ingresso dei giovani nel settore agricolo e all'ammodernamento delle aziende con la riapertura del finanziamento delle Misure 112 "Insediamento dei giovani in agricoltura"  e 121 "Ammodernamento delle aziende agricole". Si tratta di un importante volano finanziario di circa 50 milioni di euro messo a disposizione dal Psr 2007-2013.
La Giunta regionale, su proposta dell'Assessorato alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali, ha infatti stabilito le disposizioni per il finanziamento delle domande presentate nell'ambito della III e IV sottofase temporale della procedura "Stop and Go"[1] per l'accesso al regime di aiuto attivato con i bandi pubblici delle "misure ad investimento"[2]. Si tratta in pratica di una procedura programmata che prevede l'aperture di "finestre" temporanee per la presentazione delle istanze .
L'attivazione riprende le disposizione dei bandi approvati nel 2008  con la DGR n. 412 del 30 maggio 2008, finalizzati alla raccolta delle domande per le misure 111 azione 1, 112 e "Pacchetto Giovani", 113, 114, 115, 121, 123 azioni 1 e 2, 124, 125 azioni 1e 3, 132, 133, 311 azioni 1-2-3 e 4, e per l'attivazione della Progettazione Integrata di Filiera (PIF).

La Regione Lazio è intervenuta attivando anche il cosiddetto sistema di "overbooking", autorizzando l'adozione di provvedimenti di concessione dei contributi per una quota significativamente superiore rispetto alla dotazione iniziale per l'attuazione della misura (per la 121 "Ammodernamento delle aziende agricole" l'ammontare complessivo dell'aiuto richiesto delle domande presentate è superiore agli stanziamenti programmati per le due sottofasi di raccolta II e III Stop and Go), così da far fronte alle parziali o mancate realizzazione degli investimenti ammessi a finanziamento e compensare, nel contempo, eventuali sottoutilizzazioni di altre misure del Programma di Sviluppo Rurale caratterizzate da minore interesse da parte degli imprenditori agricoli.
La procedura di overbooking avviata dalla Regione consente l'attivazione di azioni ed iniziative volte ad accelerare i meccanismi della spesa così da limitare i rischi connessi all'applicazione del c.d. meccanismo di "disimpegno automatico (regola n+2)".
La procedura assume un valore significativo, considerato che permette una piena utilizzazione delle risorse comunitarie, anche grazie a risorse aggiuntive appositamente messe a disposizione dalla Regione attraverso il proprio bilancio. In questo modo, è possibile inoltre bypassare la preliminare formulazione della graduatoria di ammissibilità accelerando notevolmente le procedure amministrative del Psr per l'erogazione dei finanziamenti.
L'operazione prevede uno stanziamento aggiuntivo (rispetto a quello già previsto per la 3a sottofase temporale della procedura "stop and go") di 10 milioni di euro per il finanziamento delle domande di aiuto della Misura 121 'Ammodernamento delle aziende agricole' del PSR presentate con bando singolo (II e III Stop and Go). Si tratta di uno sforzo economico che testimonia un'attenzione concreta della Regione Lazio verso l'agricoltura e, in particolare, nei confronti dell'imprenditoria agricola.
Il provvedimento adottato assume una ulteriore importanza alla luce della nuova Determinazione 4427 del 14 maggio 2012 della Direzione Regionale Agricoltura, che consente ai potenziali beneficiari delle misure 112 e 121 di riproporre le domande di aiuto PSR 2007/2013 presentate nell'ambito della terza sottofase temporale della procedura c.d. "Stop and Go" entro quindici giorni a decorrere dalla ricezione della comunicazione di inammissibilità, per essere ricondotte nelle procedure di valutazione della quarta sottofase temporale. In tal caso la decorrenza della eleggibilità delle spese decorre dalla data di presentazione della nuova domanda di aiuto.
In definitiva, attraverso questa iniziativa, la Regione Lazio mette in atto procedure più "snelle" sotto il profilo burocratico per rendere più efficace ed efficiente la capacità della spesa, sostenendo, al contempo, il ricambio generazionale e l'ammodernamento delle aziende, incentivando e rafforzando quel rinnovamento di cui tanto necessita il comparto agricolo. 

[1]La cosiddetta procedura "Stop and Go" consiste, per talune misure, nel prevedere l'individuazione di sottofasi temporali nel rispetto delle quali sono organizzate e raccolte le domande e svolti i relativi procedimenti istruttori per la ricevibilità e l'ammissibilità delle istanze di finanziamento.
[2] Misure "a investimento": prevedono l'erogazione di un contributo alle spese sostenute dal beneficiario, che partecipa con proprie risorse, per progetti relativi a investimenti strutturali da realizzarsi nelle imprese agricole ed agroindustriali o per interventi infrastrutturali effettuati da soggetti pubblici a supporto dei sistemi produttivi.
 

Antonio Papaleo

 
 
 

PianetaPSR numero 10 - maggio 2012