Home > Il punto sui PSR > G-maps: incontro ravvicinato con la Rete Rurale
MODULO GEO

G-maps: incontro ravvicinato con la Rete Rurale

Il sistema di georeferenziazione applicato al sito reterurale.it  permette di  rilevare in modo più immediato le attività della Rete sul territorio - In cinque anni comunicati oltre 1200 eventi.
Gli eventi sul sito Rete Rurale da ottobre 2008 a giugno 2012
Gli eventi sul sito Rete Rurale da ottobre 2008 a giugno 2012

Dall'Ottobre 2008, anno in cui nacque il sito della Rete Rurale Nazionale, il portale ha sperimentato sulla propria piattaforma una serie di tecnologie per facilitare la consultazione e l'accesso a informazioni utili (bandi, normativa, documentazione etc.).
Tra gli obiettivi che la RRN si era prefissa c'era quello di monitorare la capacità di networkingsul territorio nazionale da parte delle realtà che si occupano di sviluppo rurale .

Attraverso il modulo di georeferenziazione, basato sul sistema API (Interfaccia di Programmazione di un'Applicazione)più famoso del mondo, ovvero quello di Google, è stato possibile effettuare la mappatura dei circa 1200 eventi di cui la Rete Rurale è stata promotrice o partner, riuscendo a dare una rappresentazione delle attività realizzate sul territorio.
Uno dei dati rilevati da una prima consultazione del database mostra ad esempio come siano aumentate le attività segnalate a livello nazionale attraverso il portale nel corso degli anni presi in considerazione.

Accedendo poi direttamente alle mappe se ne evince la distribuzione a livello regionale e, in scala più grande, a livello europeo e mondiale.
La georeferenziazione consente infatti di aggiungere facilmente le mappe interattive di Google Maps ai propri siti web mettendole in relazione con i contenuti che si ritengono significativi.

Inizialmente c'erano WHOIS e desinenze dei domini a fornire indicazioni più o meno attendibili sull'origine delle informazioni disponibili sul web. Poi i tag sulle immagini e la relazione con le coordinate GPS hanno messo in relazione le coordinate spaziali con gli scatti fotografici svelando dove, quando, con quale macchina e specifiche tecniche fosse realizzata l'immagine. Poi sono arrivati i programmi di rappresentazione del globo terrestre ( tra i più noti Google Earth, Yahoo maps, MSN Live Search), fino a giungere a un sistema di mappe dinamiche sempre più complesse, ma facilmente consultabili, dove ci si può spostare agevolmente nello spazio.

Sul portale della Rete Rurale il modulo geo era già stato sperimentato relativamente alle attività dei GAL e ai Bandi Leader ed è attualmente in fase di avvio sul social network RRN www.youruralnet.it per quanto riguarda la possibilità da parte delle aziende iscritte alla community di promuovere la propria attività.

 

Mario Cariello

 
 
 

PianetaPSR numero 11 - giugno 2012