Home > Pianeta Rurale > Rete Rurale Nazionale > La gestione collettiva aiuta a "coltivare" l'ambiente - COPIA -
CONCORSO

Cercasi giovani per docu-film su storie di successo

Al via la seconda edizione dell'iniziativa promossa dalla Rete Rurale Nazionale per favorire la diffusione delle buone prassi - Per la presentazione delle domande scadenza al 22 marzo    

Nell'attuale fase di programmazione elemento di grande novità è il ruolo svolto dal Fondo europeo dello sviluppo rurale (FEASR) nel più ampio contesto della strategia Europa 2020 attuata per il raggiungimento di una crescita intelligente, sostenibile e solidale. Grazie alla promozione dello sviluppo rurale, in sinergia con la politica di coesione finanziata dai fondi strutturali, la competitività del settore agricolo è una tra le finalità perseguite dalla Ue. Infatti, tra gli obiettivi tematici risalta il rafforzamento complessivo della ricerca, dello sviluppo tecnologico e dell'innovazione promosso attraverso una delle sei priorità dello sviluppo rurale: il trasferimento  di conoscenze e l'innovazione nel settore agricolo e forestale delle zone rurali.
Il Mipaaf, replicando l'esperienza dell'anno passato, nell'ambito delle attività finanziate dalla Rete Rurale Nazionale ha indetto il concorso per la seconda selezione nazionale  "Nuovi  fattori di successo" indirizzata alla valorizzazione e alla diffusione delle Buone Pratiche realizzate da giovani agricoltori. Il criterio alla base delle selezione è quello di individuare le imprese che siano allo stesso tempo redditizie, innovative, stabili ed in grado di avere un certo impatto sul territorio, ad esempio aumentandone l'attrattività.
La performance economica, la valorizzazione delle risorse umane, la sensibilità dimostrata nei confronti dell'ambiente ed il processo di internazionalizzazione avviato sono gli elementi presi in considerazione per quantificare la redditività dell'impresa. Il grado rilevato di innovazione tecnologica, organizzativa, commerciale e comunicativa determinerà invece la valutazione dell'innovatività dell'azienda.
Sarà poi analizzato l'impatto sul territorio dell'impresa favorito dal coinvogimento dei conduttori nella realtà locale e dalla valorizzazione degli aspetti sociali e culturali dei prodotti apprezzati  per la loro qualità e tipicità. La stabilità dell'impresa sarà giudicata in base alla longevità oltre il periodo di sostegno ricevuto, quindi dalla sua capacità di competere sul mercato in maniera autonoma.
Sempre in tema di buone pratiche, sarà valutato anche lo sviluppo di attività multifunzionali presenti nell'azienda agricola; ai fini della selezione è importante dimostrare la coerenza dei progetti  che permettono il progresso della buona prassi, gli obiettivi perseguiti e le attività poste in essere per il loro raggiungimento.
Il concorso prevede inoltre la dettagliata indicazione dei finanziamenti ricevuti e la fonte degli stessi, la descrizione dei conseguenti investimenti aziendali effettuati e l'eventuale utilizzazione delle risorse sui progetti che hanno permesso lo sviluppo della buona pratica. Un ulteriore criterio di selezione è quello della trasferibilità delle buone prassi attraverso l'individuazione e la modalità di fruizione degli elementi che le caratterizzano rendendole adottabili da altre aziende, oltre alla dimostrazione del motivo per cui le buone prassi individuate potrebbero essere trasferite con profitto in altre realtà imprenditoriali.
A ben vedere, l'elemento della trasferibilità è di fondamentale importanza perché agisce da volano sul processo di sviluppo complessivo del settore primario, determinando il miglioramento sia della competitività del settore agricolo e forestale sia dell'ambiente e dello spazio rurale; da non sottovalutare poi è l'impatto positivo che le buone pratiche esercitano sulla qualità della vita e sulla diversificazione dell'economia nelle zone rurali. Non a caso, le tematiche appena descritte sono a caposaldo del vigente regolamento comunitario sullo sviluppo rurale.
Il termine ultimo per l'invio della domanda è il 22 marzo, per partecipare al concorso è necessario compilare dettagliatamente il relativo modello liberamente scaricabile insieme al bando (DM 770 del 20.12.2012) al seguente indirizzo: http://www.reterurale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/10285 
Le prime tre aziende vincitrici saranno protagoniste di tre docu-film realizzati da giovani registi come nella passata edizione; in quella occasione, i vincitori hanno avuto la possibilità di vederli proiettati nella prestigiosa vetrina offerta dalla manifestazione Salone del Gusto svoltasi a Torino.

 

Francesco Mirra

 
 
 
 
 

PianetaPSR numero 18 - febbraio 2013