Home > Il punto sui PSR > Lombardia, due bandi per salvaguardia biodiversità e redditività
LOMBARDIA

Lombardia, due bandi per salvaguardia biodiversità e redditività

Approvati i bandi per il miglioramento e la salvaguardia della biodiversitÓ nelle aree natura 2000 e della redditivitÓ delle imprese agricole in un'ottica di sostenibilitÓ ambientale

Negli ultimi due mesi la Direzione Generale Agricoltura ha approvato due bandi del PSR 2014-2020, uno il 20 dicembre 2016 per la sottomisura 12.1 "Pagamento compensativo per le zone agricole Natura 2000" e un altro il 3 gennaio 2017 per l'operazione 4.3.02 "Salvaguardia e valorizzazione dei sistemi malghivi".
Con il bando della sottomisura 12.1 si attivano contemporaneamente quattro operazioni, che rappresentano una novitÓ del PSR 2014-2020 e sono: 12.1.01 "Salvaguardia di torbiere", 12.1.02 "Conservazione di canneti, cariceti,, molineti", 12.1.03 "Conservazione di coperture erbacee seminaturali" e 12.1.04 "Gestione naturalistica dei prati a tutela della fauna selvatica".

La Misura 12, con una dotazione finanziaria disponibile per questo bando pari a 1.000.000,00 euro, intende compensare alcune condizioni di svantaggio (maggiori costi minori ricavi) per le imprese, all'interno dei siti Natura 2000, dovute al rispetto degli obblighi imposti dai Piani di Gestione delle aree Natura 2000 che garantiscono la salvaguardia e la difesa di habitat di particolare interesse dal punto di vista ambientale.
Tutte le imprese agricole che operano nei siti Natura 2000 a partire dal 3 aprile e fino al 15 maggio 2017 possono presentare la domanda per l'indennitÓ attraverso il portale di Regione Lombardia dedicato alle aziende agricole (Si.Sco).
Nell'ambito della misura 4 "Investimenti materiali per le aziende", in particolare relativamente alla sottomisura 4.3 "Sostegno a investimenti nell'infrastruttura necessaria allo sviluppo, all'ammodernamento e all'adeguamento dell'agricoltura e della silvicoltura", il 3 gennaio Ŕ stato approvato il bando dell'operazione 4.3.02 "Salvaguardia e valorizzazione dei sistemi malghivi". L'operazione, che si applicherÓ esclusivamente nelle aree svantaggiate di montagna (Fig.1), ha tre obiettivi fondamentali:

  • salvaguardare e valorizzare i sistemi malghivi e la pratica dell'alpeggio;
  • garantire il presidio del territorio e la tutela del paesaggio montano;
  • conservare le praterie ad alto valore naturalistico e incrementare la biodiversitÓ vegetale e animale.

La Direzione Generale Agricoltura ha deciso di destinare per il bando della 4.3.02 una dotazione finanziaria pari a 5.000.000,00 euro per finanziare l'attivitÓ di adeguamento, ristrutturazione e/o costruzione di impianti di approvvigionamento idrico, per il miglioramento dell'efficienza energetica e per la produzione di energia anche da fonti rinnovabili, ecc.
I proprietari e i gestori pubblici delle malghe, a partire dall'8 marzo e fino al 15 aprile 2017 possono presentare domanda di aiuto per via telematica accedendo al portale Si.Sco (https://agricoltura.servizirl.it/PortaleSisco/) previa apertura e/o aggiornamento del fascicolo aziendale informatizzato che rappresenta lo strumento indispensabile per l'attivazione di qualsiasi procedimento di aiuto comunitario e per la gestione dei rapporti tra la impresa agricola e la Pubblica Amministrazione.

 
 

Rita Iacono
rita.iacono@crea.gov.it

 
 

PianetaPSR numero 58 gennaio/febbraio 2017