Home > Pianeta Rurale > Regioni > Il Veneto si interroga sul futuro della nuova PAC: al via la Conferenza regionale per l'agricoltura e lo sviluppo rurale
PAC post 2020

Il Veneto si interroga sul futuro della nuova PAC: al via la Conferenza regionale per l'agricoltura e lo sviluppo rurale

La Regione del Veneto inizia il percorso di programmazione in vista della nuova politica agricola comune con la Conferenza regionale dell'agricoltura e dello sviluppo rurale.

L'iniziativa ha infatti lo scopo di definire e condividere le prioritą strategiche regionali per orientare e prefigurare le dinamiche di sviluppo del sistema agroalimentare e rurale nel medio periodo, nel contesto delle prospettive delineate a livello comunitario e nazionale per la Politica Agricola Comune (PAC) post 2020, nonché in riferimento al programma di governo della Regione.
A tal fine sono state prospettate cinque aree tematiche di lavoro:

  1. Innovazione, trasferimento delle conoscenze, sistemi di gestione e sistemi informativi, ricambio generazionale;
  2. Competitivitą, organizzazione della produzione e integrazione delle filiere agroalimentari, valorizzazione delle produzioni, forme innovative di sostegno, strumenti finanziari;
  3. Sostenibilitą ambientale, adattamento e mitigazione dei cambiamenti climatici, uso del suolo e dell'acqua; biodiversitą;
  4. Sviluppo locale;
  5. Filiere forestali.

Il progetto si avvale della collaborazione di quattro unitą di ricerca (il Centro di ricerca Politiche e Bioeconomia del CREA; il Dipartimento Territorio e Sistemi AgroForestali dell'Universitą di Padova; il Dipartimento di Scienze Economiche dell'Universitą di Verona; e il Dipartimento di Economia dell'Universitą Ca' Foscari di Venezia), e si avvierą formalmente con il seminario di apertura del 14/12/2018 a Padova.
Pił precisamente la Conferenza si articola nelle seguenti fasi principali:

  • I lavori preparatori con un seminario di apertura;
  • La consultazione online guidata sulle opzioni strategiche proposte;
  • La valutazione dei risultati della consultazione e la messa a punto del quadro delle prioritą strategiche;
  • Il convegno conclusivo, con la presentazione del rapporto "L'agricoltura veneta verso il 2030".

Gli obiettivi del governo regionale, declinati nel contesto nazionale e comunitario, sono stati il focus di partenza, per l'identificazione di strategie volte ad affrontare le sfide del cambiamento fino al 2030. Le opzioni strategiche, selezionate ed elaborate nel rispetto delle attese e dei fabbisogni dei principali portatori di interesse che ruotano attorno al sistema agricolo e alle aree rurali, sono state ponderate mediante un approccio multicriteriale, in funzione della loro capacitą di soddisfare specifici criteri, integrati con giudizi di esperti. Questo ha consentito di definire alcuni quesiti guida da sottoporre, mediante una consultazione online sui fabbisogni e sulle opzioni strategiche, al partenariato regionale al fine di condividere e validare le proposte regionali. La consultazione online - che si avvia con il seminario di apertura del 14 dicembre 2018, e sarą attiva fino a gennaio 2019 sul Portale Integrato dell'Agricoltura Venetawww.piave.veneto.it - ha infatti l'obiettivo di stimolare e promuovere un confronto aperto con gli operatori e le istituzioni del sistema agricolo e rurale, per valutare le opzioni strategiche proposte nel seminario di apertura stesso.
Seguirą una valutazione dei risultati della consultazione per rimodulare e focalizzare le opzioni strategiche ipotizzate, in modo da selezionare un insieme condiviso di "prioritą strategiche", che verranno successivamente trasformate in strumenti di politiche settoriali da parte del governo regionale o serviranno come linee guida nelle future negoziazioni a livello nazionale/regionale.
Il sistema di valutazione terrą anche conto di diversi scenari futuri regionali, attraverso una metodologia di valutazione che attribuisce dei pesi ai criteri che possono variare anche in considerazione degli scenari stessi. Pił precisamente, saranno considerati gli scenari globali sui cambiamenti climatici regionalizzati sulla base di dati socio-economici e ambientali (climatici). I valori ottenuti dalle simulazioni verranno utilizzati per costruire gli scenari locali, che rappresentano le possibili conseguenze di diverse evoluzioni a della situazione internazionale. A livello esplorativo e aggregato a livello regionale, si potranno fornire anche le stime di possibili shock - derivanti da fattori fisici (es. eventi climatici estremi) e da fattori economici (es. accordi commerciali), verificandone gli effetti attraverso la metodologia delle matrici di contabilitą sociale.
La conferenza prevede inoltre, una serie di analisi delle tendenze evolutive dell'agricoltura veneta, sintetizzate nella predisposizione di 72 schede informative, distinte in base ai diversi aspetti e ai comparti del settore agricolo, forestale e rurale, con riferimento alle sue caratteristiche economiche, sociali e ambientali. Tale analisi utilizza le informazioni statistiche disponibili a livello regionale e nazionale, confrontando in un arco temporale di lungo periodo, con proiezioni al 2030, gli andamenti regionali rispetto sia ai trend nazionali, sia a quelli mondiali. Questo consente di evidenziare quali oggi si dimostrano i punti di forza, o al contrario, di debolezza dell'agricoltura veneta rispetto ai pił ampi scenari produttivi nazionali e mondiali.
Un aspetto importante nel percorso della Conferenza č infatti costituito dalla costruzione della matrice di contabilitą sociale (Social Accounting Matrix - SAM) dell'economia del Veneto, espansa per ospitare, con buon dettaglio, i settori dell'economia agricola e agroindustriale in modo conforme alla tavola input-output dell'agricoltura italiana. Verrą stimata anche la dimensione occupazionale della matrice utilizzando i dati delle indagini EUSILC (European Union Statistics on Income and Living Conditions) sul reddito e sulle condizioni di vita del Veneto, i dati strutturali del Censimento dell'agricoltura 2010 e delle Indagini sulla struttura delle aziende agricole (2013 e 2016) e i dati del campione annuale di aziende agricole appartenente alla Rete di Informazione Contabile Agricole (RICA), al fine di definire sia le classi di reddito della societą veneta, sia le classi di reddito per le diverse famiglie agricole. In seguito, saranno predisposti i programmi di analisi dei dati utilizzando appropriati software, ponendo cura che l'applicativo stesso possa essere user-friendly e quindi trasferibile alle Istituzioni, destinatarie finali dei risultati del progetto, che potranno utilizzare la matrice per le analisi di impatto.
Alla fine le attivitą di analisi comparativa consentiranno di selezionare un insieme condiviso di prioritą strategiche regionali che saranno presentate in un convegno conclusivo, il 7 giugno 2019, rivolto a tutti gli attori del sistema agricolo e rurale, nell'ambito del documento "L'agricoltura veneta verso il 2030".

 
 

Davide Longhitano
Barbara Bimbati

 
 
 
 

PianetaPSR numero 77 dicembre 2018