Home > Il punto sui PSR > Sardegna - Un bando per ammodernare il sistema irriguo
Sardegna
 
Infrastrutture

Un bando per ammodernare il sistema irriguo

Dopo la positiva risposta dello scorso anno la Regione pubblica un secondo avviso per 24 milioni di euro per migliorare il sistema e favorire il risparmio idrico.

Assicurare la vitalitÓ e la permanenza delle aziende agricole e forestali riducendo i fenomeni di polverizzazione fondiaria, migliorando la dotazione infrastrutturale e garantendo un uso sostenibile della risorsa idrica Ŕ l'obiettivo specifico a cui risponde la misura 125. Si tratta di un obiettivo ambizioso a cui la regione Sardegna attraverso il Psr 2007-2013 ha dedicato un importo complessivo di 60 milioni di euro di finanziamento pubblico di cui circa 30 milioni di finanziamento Feasr. Le ingenti risorse sono destinate a finanziare tre principali azioni rivolte rispettivamente alle infrastrutture rurali, sistemi irrigui e risparmio idrico.  Il 23 giugno dello scorso anno Ŕ stato pubblicato il primo bando della misura 125 dedicato all'azione 1, infrastrutture rurali. Le risorse programmate, 30 milioni di euro, finanzieranno interventi di manutenzione straordinaria della viabilitÓ rurale e forestale esistente. Non sono stati ammessi interventi di semplice manutenzione ordinaria e la costruzione di nuove strade. Le domande ammesse al finanziamento sono state 167.
Dopo i positivi riscontri al primo bando, il 5 agosto scorso Ŕ stato pubblicato il secondo bando della misura 125 rivolto all'azione 3 dedicata al risparmio idrico.    
L'invito pubblico Ŕ rivolto a tutti i Consorzi di bonifica operanti in Sardegna, salvo quelli soggetti a commissariamento per dissesto finanziario, e mira a finanziare interventi di ammodernamento della rete irrigua distributrice, secondaria e terziaria, a diretto servizio delle aziende agricole al fine di eliminare o ridurre le perdite e migliorarne l'efficienza. Allo scopo di evitare ogni sovrapposizione con simili interventi finanziati con il Fesr, gli interventi devono riguardare esclusivamente le reti secondarie e terziarie al servizio delle aziende agricole e forestali conformemente a quanto prescritto nel Psn.
In sintesi, vengono finanziatigli interventi di sostituzione della rete di distribuzione o di pezzi speciali oltre ad interventi di rifacimento e ristrutturazione di manufatti ed opere di accumulo a servizio della rete di distribuzione; l'intensitÓ del contributo pubblico Ŕ pari al 100% dell'importo del progetto ammesso. Non sono ammessi interventi di manutenzione ordinaria della rete nÚ la realizzazione di nuova condotte di distribuzione.
Il bando ha un costo di poco superiore ai 12 milioni di euro a cui vanno ad aggiungersi altri 12 milioni di euro di risorse aggiuntive derivanti dall'Health Check portando la dotazione finanziaria complessiva a poco pi¨ di 24 milioni di euro. Dal punto di vista procedurale il responsabile della misura 125 Ŕ il direttore del Servizio Territorio rurale, ambiente ed infrastrutture dell'Assessorato dell'Agricoltura della Regione Sardegna ma l'agenzia di erogazione regionale ARGEA Sardegna Ŕ il soggetto incaricato di ricevere, istruire, selezionare e controllare le domande di aiuto presentate e formare, quindi, la graduatoria. Il soggetto autorizzato al pagamento degli aiuti Ŕ AGEA. La scadenza per la presentazione delle domande di aiuto Ŕ fissata per il 31 ottobre 2011.

Francesco Piras

 
 
 

PianetaPSR numero 2 - settembre 2011