Home > Il punto sui PSR > Montagna, indennità per gli svantaggi naturali
Basilicata
 
MISURA 211

Montagna, indennità per gli svantaggi naturali

Al via il bando che stanzia 4,5 milioni di euro destinati al sostegno delle aziende agricole con orientamento produttivo zootecnico - Aiuti modulati, fino a un massimo di 200 euro per ettaro

Con DGR n. 155/2013, pubblicata sul BUR n. 5 del 1° marzo 2013, la Giunta regionale di Basilicata ha approvato il Bando di Misura 211, finalizzato a corrispondere un'indennitā alle aziende agricole delle zone montane con orientamento produttivo zootecnico. Tali aziende costituiscono un tessuto imprenditoriale ancora attivo ed in grado di contribuire ad una gestione sostenibile del territorio montano lucano. Le aree montane del territorio regionale sono soggette ad un costante fenomeno di erosione demografica conseguente all'abbandono delle attivitā economiche. Tale fenomeno causa un ulteriore indebolimento dei sistemi socio economici e rappresenta un fattore di rischio per il mantenimento di delicati equilibri ambientali, da sempre regolati dalla presenza dell'uomo e favoriti da una gestione sostenibile delle risorse naturali per fini produttivi.
Gli obiettivi spcifici della misura sono: favorire la permanenza di presidi agricoli in ambito montano attraverso un'azione di compensazione degli svantaggi naturali presenti; conservare la biodiversitā e tutelare i sistemi agro-forestali ad alto valore naturalistico; compensare il deficit di reddito a carico degli agricoltori che esercitano la propria attivitā nelle aree montane caratterizzate da svantaggi naturali.
Il Bando prevede una disponibilitā finanziaria di 4,5 milioni di euro. Il valore delle indennitā compensativa č determinato in funzione della dimensione aziendale con importi variabili fino a 200 euro per ettaro.

 

Diego De Luca
deluca@inea.it

 
 
 

PianetaPSR numero 19 - marzo 2013