Home > Cos'è RRN Magazine

Cos'è RRN Magazine

Il Magazine della Rete Rurale Nazionale "RRNmagazine" costituisce uno dei più longevi progetti di comunicazione editoriale del Programma RRN. Nato nel 2011 con uscita quadrimestrale, sta infatti per toccare la soglia dei 10 anni di attività. Rappresenta l'anima di approfondimento di PianetaPSR, testata di informazione online della Rete Rurale.
Obiettivo di RRN Magazine è quello di fornire approfondimenti tematici, favorire la conoscenza e agevolare il trasferimento di esperienze e innovazioni, anche allargando lo sguardo a quello che accade in contesti internazionali. Rappresenta uno spazio di confronto e riflessione, di approfondimento scientifico e di opinione sui temi di maggior rilievo del settore, sulle sue criticità e sulle sfide per il futuro.
Il target al quale RRNmagazine si rivolge è diversificato. Il suo coinvolgimento riguarda il vasto pubblico di soggetti che operano o sono potenzialmente interessati all'azione della politica di sviluppo rurale, ma anche tutti quei soggetti che rappresentano da sempre un interlocutore per le istituzioni e per le attività della Rete Rurale (imprenditori, valutatori, consulenti, Istituzioni locali e territoriali, comunità scientifica e accademica, società civile, mondo associativo, Centri di ricerca, mondo produttivo ed economico, studenti).
La pubblicazione è disponibile su questo sito e può essere richiesta nella versione cartacea contattando la nostra redazione magazine.rrn@crea.gov.it

Buona lettura!
La Redazione di RRNmagazine


Ultimo numero

RRN MAGAZINE / numero 13 aprile 2021

Agricoltura in genere

Donne rurali, un percorso di consapevolezza e autodeterminazione
 

"Gambe di lepre, ventre di formica e schiena d'asino" (proverbio cit. in Wilson P., 2011) , erano questi i requisiti che, nei secoli scorsi, doveva possedere la donna ideale nelle campagne italiane; requisiti che si traducevano in una posizione subordinata in seno alla propria famiglia di origine, ma anche in quella acquisita del marito, pochissime interazioni con il mondo esterno e poco svago, orari di lavoro quasi disumani, remunerazione più bassa rispetto agli uomini (legittimata anche a livello normativo, vedi Legge Serpieri), forza lavoro flessibile e sempre pronta a intervenire all'occorrenza. L'apporto delle nostre donne all'economia familiare è ben sintetizzato da Perry Wilson: "Lontano dall'essere una forza di appoggio (co-adiuvante), le donne assumevano un lavoro continuo e fornivano un contributo essenziale per l'economia rurale e la sopravvivenza della famiglia rurale". Peccato, però, che non gli fosse appunto riconosciuto e che dovranno passare molti decenni (diversi conflitti mondiali e anni di lotte di emancipazione) prima che la loro posizione possa acquisire maggiore visibilità e, soprattutto, possa essere letta come il risultato di una libera e consapevole autodeterminazione. Pur se permangono ancora delle sfumature di grigio (i pregiudizi culturali sono duri a morire), possiamo affermare che le donne hanno ormai acquisito piena consapevolezza delle proprie potenzialità, della carica innovativa che le movimenta, linfa vitale per innescare processi di crescita e di cambiamento collettivo a livello locale. Ed è proprio attorno a questa carica creativa e tenace che si sviluppa il presente numero di Magazine RRN che vede protagoniste, appunto, le donne che vivono e lavorano nelle aree rurali italiane, con riferimento particolare all'universo femminile impegnato nel settore agricolo. In esso abbiamo dato voce alle testimonianze più diversificate al fine di far emergere la varietà e la ricchezza che contraddistinguono le esperienze che raccontano il mondo rurale delle donne, tenendo traccia anche delle principali tappe che ne hanno caratterizzato le trasformazioni nel corso degli anni.

 

La Redazione